A cosa serve la K nella sigla LGBT+

A COSA SERVE L’ACRONIMO LGBT+, CHI CI PUO’ E DEVE STARE DENTRO E PERCHE’ LA K CI DEVE STARE!

A cosa serve l’acronimo LGBT+? A cosa serve la sua versione più estesa e a cosa serve il +?

L’acronimo LGBT è una creazione del movimento omonimo finalizzato a descrivere chi fa parte della comunità LGBT+, per chi ci si batte come comunità e movimento, chi è compreso in questo ombrello in termini di appartenenza e finalità di lotta, di quale orgoglio si parla rispetto ai privilegi della maggioranza.

La sua versione estesa in genere viene utilizzata unicamente nei documenti
politici e ogni volta venga inserita una nuova lettera. La versione lunga serve ad esplicitare chiaramente chi si intende sia sotto l’ombrello dell’acronimo e a chi si rivolge il + quando è aggiunto alla versione breve.
Ergo aggiungere una nuova lettera non significa allungare all’infinito l’acronimo che si usa nelle comunicazioni comuni e rapide: è una dichiarazione di intenti e serve a definire chi ricomprende il +!

Ragioni per cui ha senso inserire la K di Kinky:

Motivo storico:
la Storia del movimento LGBT+ nasce nelle saune e nei bar dei leather gay,
nasce sulle moto delle dyke in pelle e borchie, nasce tra i frustini di entrambi, all’interno di un concetto di sessualità non convenzionale e rivoluzionaria, kinky e BDSM.
Mario Mieli scriveva di pratiche kinky; Pier Paolo Pasolini viveva con sofferenza desideri BDSM; Pat Califia fondava nel 1978 a San Francisco Samois associazione lesbo-femminista BDSM.
Anche le persone cis-etero hanno sempre praticato sesso non convenzionale, ma raramente lo hanno rivendicato come dimensione politica e culturale, collettiva e orgogliosa:
il Movimento LGBT+ nasce dalla consapevolezza, coscienza, visibilità, politicità dell’esperienza del desiderio, dei corpi e della sessualità non eteronormati!

La K nell’acronimo racconta questa Storia!

Motivo visibilità di orientamento/identità vs. comportamento:
il femminismo ci ha insegnato che una narrazione politica deve sempre partire da sé, dai propri corpi, dalla propria esperienza. Questa narrazione ci dice che il kinky e il BDSM non sono solo comportamenti, come non lo è praticare sesso tra due donne o due uomini! Può essere pura pratica occasionale di piacere, ma per molte persone è anche una identità e un orientamento erotico e affettivo precisi. Ci sono persone della comunità LGBT+ che hanno fondato associazioni e collettivi proprio perché esiste una cultura kinky, perché si può essere persone kinky 365 giorni all’anno, perché le proprie scelte affettive ed erotiche sono totalmente orientate dalla dimensione BDSM e/o fetish. Inoltre il Movimento LGBT+ ci insegna che non servono documenti scientifici o pareri di esperti per validare le nostre vite e le nostre esperienze siamo noi stess* le uniche persone che possono parlare per sé come protagoniste assolute della nostra esistenza.

La K nell’acronimo dà credibilità e visibilità a questa esperienza complessa e complessiva di vita!

Motivo stigma:
L’identità e l’orientamento kinky subiscono quotidianamente lo stigma di
una società eteronormata dove vige il principio del “si fa, ma non si dice”.

Soprattutto nel mondo del lavoro e della genitorialità sono innumerevoli gli esempi di eventi problematici connessi alla visibilità di persone che vivono alla luce del sole il proprio orientamento kinky.
La comunità LGBT+ è la casa di chi lotta contro l’eteronormatività anche con le proprie vite, i propri corpi, le proprie scelte e desideri e di chi vive uno stigma perché considerato perverso e patologico.

La K nell’acronimo esprime difesa verso chi vive stigma e discriminazioni per uno stile di vita, un’identità e un orientamento diverso da quello eteronormato!


Motivo messaggio al mondo non LGBT+:
Le esperienze di vita kinky e BDSM appartengono certamente anche a persone cis-etero, ma, al netto del ruolo assolutamente peculiare, storico e culturalmente definito che questi aspetti hanno avuto e hanno nella comunità LGBT+, ciò che ci contraddistingue è la visibilità, orgoglio e dignità che vogliamo mostrare anche a chi nel mondo eteronormato vive sessualità non convenzionali in maniera nascosta e patologizzata.

La K nell’acronimo invia un messaggio anche al mondo cis-etero che parla di visibilità e consapevolezza di sé come elementi chiave per una vita sana e coerente!

Motivo ricchezza del Movimento LGBT+:
Da quando nella notte del 28 giugno 1969 è nato il Movimento LGBT+; da quando nel 1994 c’è stato il primo Pride nazionale d’Italia, innumerevoli sono state le manifestazioni della ricchezza espressa dalla nostra comunità e altrettanto innumerevoli sono stati i tentativi di invisibilizzare identità e orientamenti più scomodi di altri, soprattutto nei momenti di maggior confronto con il mondo eteronormato.
Dobbiamo mantenere alta l’attenzione a questo fenomeno, ricordare sempre che l’orgoglio di sé, di tutti i sé, è la base fondante del Movimento LGBT+ e che avremo maggiori risultati anche in termini di diritti quanto più sapremo rappresentare con orgoglio ogni sfaccettatura delle infinite identità della comunità LGBT+.

La K nell’acronimo aggiunge complessità e ricchezza alla moltitudine degli
orientamenti e identità che l’elenco di lettere rappresenta e che tiene insieme sotto un unico cappello infinitamente estensibile, ognuna con le proprie peculiarità, ma in maniera intersezionale!

Deborah Di Cave
per Collettivo KinkyGirls®


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prossimi eventi

Performance + Talk
Scorci di Playparty

5 Novembre 2023 dalle ore 19.00

c/o Acrobax

via della vasca Navale 6

Roma

 

KinkyGirls
Munch CineForum

8 Novembre 2023 dalle ore 18.30

c/o Sweet Bunch

via Casilina 283

Roma

 

Play Party

19 Novembre 2023 ore 18:30

c/o Gender Klub

via faleria 11

Roma

Sei maggiorenne? Testi, immagini e argomenti di questo sito possono essere a carattere erotico, quindi l'ingresso è riservato agli adulti.